Mercoledi 18 maggio
Gesù ci dice: ” voi siete il sale della terra e la luce del mondo”.
Sale Luce hanno due caratteristiche in comune la prima è che non attirano l’attenzione su di sé, ma fanno risaltare qualcos’altro: il sale dà sapore ai cibi, la luce rende visibile i contorni delle cose. La loro natura è essere per altro e non per se stessi.
La seconda è la necessità, per il sale e la luce, di un loro adeguato dosaggio, altrimenti diventano insopportabili o inutili. Il troppo sale nei cibi li rende disgustosi e se troppo poco rimangono insipidi. Se la luce è troppo abbagliante diventa fastidiosa e se è troppo tenue non permette più di vedere le cose.
Così la testimonianza cristiana per dare sapore e colore alla vita, va dosata nella misura giusta non può cadere negli eccessi della arroganza né all’opposto nella timidezza invisibilità, pena l’insicurezza e l’oscurità.
Mons. Erio Castellucci
Buona vita