Perdonare è  una vera conversione da attuare in sé stessi: il perdono non nasce dalla conversione di colui che ha offeso, ma nasce dalla conversione di chi ha ricevuto l’offesa. È  la vittima che deve convertirsi: è  questa la portata scandalosa del perdono!
Si tratta di rinunciare a vendicarsi e di intraprendere un cammino di prossimità, fino a fare il dono della propria presenza benevola e conciliante a chi ha operato il male. Enzo Bianchi. Dono e perdono.

Buona vita