Domenica 7 agosto. Educare con gioia. Per qualunque educatore è necessario esprimere la sua gioia nell’atto stesso di educare; egli educa con gioia. ” Si è ascoltati con più gusto, allorché siamo noi i primi a gustare quel che diciamo. Più il nostro discorso specchia il nostro gaudio, e più esso entra nell’altro agevolmente, gradevolmente”.(S. Agostino). Dostoevskij così pregava:” Signore facci ricordare che chi ama gli uomini , ama anche la loro gioia, che tutto ciò che è bello è sempre pieno della tua misericordia infinita”.
Comunità di Caresto
Dio ci vuole contenti

Buona vita